AIS

2015/5

Werner Sombart: il «capitalismo moderno» e il suo «futuro». Un’ipotesi di lavoro (Werner Sombart: «modern capitalism» and its «future». A working hypothesis) di Vitantonio Gioia


Com’è noto, l’attività scientifica di Sombart si concentra sul capitalismo moderno, le sue caratteristiche e il suo sviluppo. I risultati della sua ampia e variegata ricerca non sono né omogenei, né univoci e sono stati oggetto di forti critiche, così come sono stati criticati il suo approccio, in parte storico e in parte teorico; il suo particolare (e talvolta molto superficiale) modo di trattare i dati storici; infine, il suo ricorso al metodo marxiano o alla prospettiva schmolleriana. Inoltre, nel corso della sua ricerca, la visione del capitalismo in Sombart è cambiata significativamente. La prima edizione de Der moderne Kapitalismus (1902) mostra importanti differenze rispetto alla seconda (1916-17). Queste differenze sono state solitamente connesse alla riflessione di Sombart sullo «spirito del capitalismo» e sul ruolo dei fattori soggettivi nelle dinamiche economiche, specialmente dopo la pubblicazione di opere come Die Juden und das Wirtschaftsleben (1911) e Der Bourgeois (1913). Gli obiettivi di questo saggio sono i seguenti: 1) mettere a fuoco le differenti prospettive analitiche che caratterizzano l’analisi sombartiana del capitalismo moderno; 2) mostrare in che modo tali differenze nell’analisi del capitalismo abbiano portato Sombart a una diversa valutazione del socialismo, considerato come una conseguenza necessaria dello sviluppo capitalistico; 3) verificare se, al di là delle differenze nelle prospettive analitiche e nei risultati, sia possibile individuare nel lavoro di Sombart uno stesso insoddisfacente approccio metodologico.

Werner Sombart: «modern capitalism» and its «future». A working hypothesis

As is well known, Sombart’s academic work focuses on modern capitalism, its characteristics and development. The outcomes of his vast body of research are not always consistent, and harsh criticism has been directed at the results of his analyses: his approach, partly historical and partly theoretical in nature; his distinctive (and sometimes over-superficial) treatment of historical data, and lastly, his use of Marx’s method or the Schmollerian approach. Moreover, in the course of his research, Sombart’s view of capitalism changed substantially. The first edition of Der moderne Kapitalismus (1902) differs markedly from the second edition (1916-17). These differences have commonly been linked to Sombart’s reflection on the «spirit of capitalism» and the role of subjective factors in economic dynamics, especially after the publication of works like Die Juden und das Wirtschaftsleben (1911) and Der Bourgeois (1913). The purposes of this paper are: 1) to emphasize the different analytical perspectives in Sombart’s analysis of modern capitalism; 2) to show how such differences in the analysis of capitalism led Sombart to a different evaluation of socialism, considered as a necessary outcome of capitalistic development; 3) to verify whether, beyond the different analytical perspectives and results, Sombart’s work is also characterised by an unsatisfactory methodological approach.

Parole chiave: Capitalismo, Socialismo, Scuola storica tedesca, Marx, Capitalism, Socialism, German Historical School, Schmoller, Judaism and Capitalism

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.

  • Articolo
  • pp:11-32
  • DOI: 10.1485/AIS:N_5_APR_2015_TOERIA_RICERCA_1
Indice

Archivio della rivista