AIS

2019/14

Mixed methods e e-research: frontiere possibili per lo studio delle hidden population (Mixed methods and e-research: possible frontiers for the study of hidden populations), di S. Monaco


Il contributo presenta alcune possibili strategie utili a fronteggiare le principali difficoltà teoriche e metodologiche con cui la ricerca sociale si trova spesso a fare i conti quando si ha a che fare con target non sempre facilmente raggiungibili o popolazioni nascoste, partendo dai risultati di uno studio su affettività, relazioni interpersonali e sessualità della popolazione omosessuale napoletana che utilizza l’ app di dating Grindr. Le tecniche proprie dell’e-research, utilizzate nell’ambito dell’indagine presentata sia per il campionamento sia per quanto concerne la rilevazione delle informazioni, sono usate a modello per mostrare vantaggi e limiti dell’approccio mixed methods .

Starting from the results of a survey on affectivity, interpersonal relationships and the sexuality of gay men in Naples, carried out using the dating app Grindr, the paper presents some possible strategies for dealing with the main theoretical and methodological challenges that social research must tackle when studying not easily reachable targets or hidden populations. The e-research techniques used in the survey for both sampling and information gathering are taken as a model to show the advantages and limitations of the mixed methods approach.

Parole chiave: Mixed methods, E-research, Hidden population, Omosessuali, Napoli, Gay, Naples

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.

  • Articolo
  • pp:97-108
  • DOI: 10.1485/AIS_2019/14_3443558
Indice

Archivio della rivista