AIS

2014/4

Il disagio delle classi medie in Italia tra diseguaglianze e malessere (The middle class difficulty in Italy: inequality and disquiet), di D. Carbone and F. Ceravolo


L’articolo si propone di indagare il malessere delle classi medie italiane, già sottolineato in numerosi studi degli ultimi anni, attraverso una prospettiva non ancora utilizzata nel dibattito in corso: quella della percezione individuale delle diseguaglianze sociali. Specificamente, lo studio ha lo scopo di analizzare la morfologia delle credenze relative ai criteri di equità distributiva nei diversi segmenti al centro della scala sociale nel nostro paese. L’idea di partenza è che, in alcuni segmenti appartenenti alle classi medie, siano rilevabili elevati sentimenti di ineguaglianza e iniquità dei modelli allocativi connessi alla deprivazione relativa cui sono sottoposti tali individui, rispetto ad altri soggetti vicini nella scala sociale e rispetto alle generazioni che hanno ricoperto le stesse posizioni in precedenza. L’analisi si basa sui dati raccolti da una recente ricerca denominata AGING su un campione rappresentativo di 2500 lavoratori italiani. Grazie a questa base dati, è stato possibile studiare le credenze sull’equità retributiva del mercato del lavoro in Italia e i giudizi relativi all’equità del reddito personale degli individui di classe media. I risultati emersi evidenziano come, coerentemente con altri studi, le classi medie italiane siano attraversate da un senso di malessere diffuso che si esprime, anche, in un’elevata percezione delle diseguaglianze retributive presenti nel nostro Paese. Tali percezioni, tuttavia, risultano nettamente distinte in riferimento alla dimensione generazionale e alle differenze tra autonomi e dipendenti.

The Middle Class Difficulty in Italy: Inequality and Disquiet

The article sets out to explore the Italian middle class difficulty in Italy, already highlighted in numerous studies of recent years, from a new perspective: individual perception of social inequalities. In specific terms, the study aims to analyse the landscape of beliefs regarding wealth distribution criteria across the various segments at the centre of the social scale in Italy. The premise is that some segments of the middle classes show strong feelings of inequality and injustice regarding models of allocation, and suffer greater relative deprivation than other individuals who are close on the social scale, and past generations in the same position. The analysis is based on data gathered by a recent study, entitled AGING, on a representative sample of 2500 Italian workers. This data enabled us to study beliefs on distributional fairness in the labour market in Italy and opinions on income inequality among middle class individuals. In line with other studies, the results revealed that the Italian middle classes are experiencing a widespread feeling of disquite that also translates into a strong perception of income inequality. These perceptions, however, vary markedly in relation to the generational dimension and differences between self-employed individuals and employees.

Parole chiave: Classi medie, Malessere sociale, Equità distributiva, Diseguaglianze generazionali, Deprivazione relativa, Middle Classes, Social Disquiet, Distributional Fairness, Generational Inequalities, Relative Deprivation

L'ACCESSO A QUESTO CONTENUTO E' RISERVATO AGLI UTENTI ABBONATI

Sei abbonato? Esegui l'accesso oppure abbonati.

  • Articolo
  • pp:55-79
  • DOI: 10.1485/AIS_4_2014_TOERIA_RICERCA_3
Indice

Archivio della rivista